IL CASO DI ALESSANDRO E MARIA


  • Contributo
    Intero € 10
    Ridotto soci di Bo’ e bambini 4-10 anni € 8
    Ridotto soci Auser € 6
    Bambin 0-3 GRATUITO
  • Spettacolo
    Sabato 12 Aprile ore 21,30
  • Dove
    c/o Teatro Comunale di Santa Maria a Monte Piazza della Vittoria 47 56020 Santa Maria a Monte (PISA)
  • Telefono
    +39 371 1272850

di Gat Teatro
Con Nicoletta M.Loisi e Nicola Pannocchi
Musica dal vivo con
Alla fisarmonica Marco Magnani
Alla chitarra Paolo Cerri
Regia di Claudio Cinelli


Dialogo intimo a due in bilico tra passato e presente. Storia di un innamoramento trascorso e della devastazione che inevitabilmente le grandi passioni comportano. Ring del cuore per quel Due che avevano vissuto “un amore smisurato e sciupato”. Inaspettate interazioni tra quotidianità e sogno trascendono e prendono corpo e voce con Alessandro tra il dilemma di “essere” o “esserci” e Maria “con la sua gioia di esistere e la sua tristezza di non essere in nessun posto” Il caso di Alessandro e Maria vola oniricamente tra musica e parole. Un reality love show di una storia talmente normale da far venire il sospetto che non sia mai esistita.

Sullo spettacolo:
Per la prima volta al Teatro di Bo’ la riduzione teatrale del romanzo di Domenico Trischitta “Glam City” da cui prende il titolo lo spettacolo. In scena un unico attore, Silvio Laviano (attore di fama nazionale e internazionale. Ultimante in turnèe con lo spettacolo ‘Sei personaggi in cerca d’autore’ con la regia di Michele Placido) “Glam City” romanzo di formazione (pubblicato nel 2015) e – al tempo stesso – di transizione di una città verso l’inferno e il paradiso di una dimensione metropolitana. Il Libro (e lo spettacolo) racconta la vita di Gerry Carrozzo, ragazzo della Catania anni Settanta che sogna di entrare nel mondo dello spettacolo e di fare il trasformista. Ma la città gli sta strettae dopo tappe a Londra e Milano, torna nella torrida catania, la sua glam city, tentando insieme ad altri variopinti amici una rivoluzione di costume, fatta di trasvestitismo e trasgressione. Catania, però, non è Londra e i suoi progetti falliranno assieme alla sua disperata affermazione personale. Da Catania a Milano, andata e ritorno, da promessa della canzone a travestito dei viali milanesi, vive la Catania degli anni Novanta che, nel frattempo, non è più la sua “glam city”.


CONDIVIDI: